Direttori di Corsa

I Direttori di Corsa sono le persone che le società organizzatrici scelgono quale loro rappresentanti, a cui e’ affidato il compito dell’organizzazione, dello svolgimento e della direzione delle gare nei calendari regionali, nazionali, internazionali.
Per svolgere le funzioni di Direttore di Corsa in una gara ciclistica bisogna essere tesserati alla F.C.I. la quale nei suoi regolamenti prevede tre differenti livelli di abilitazione:
1. Direttore di Corsa Regionale [D.C.R.]
2. Direttore di Corsa Internazionale [D.C.I.]
3. Direttore di Corsa Professionisti [D.C.P.]
Per conseguire l’idoneità, i candidati devono partecipare ai relativi corsi e sostenere gli esami finali, sia scritti che orali ovviamente per accedere al corso di livello superiore (es. livello 3) bisogna aver superato le prove inferiori (livelli 1 e 2).
Le varie funzioni sono svolte in conformità a quanto recitano i vari articoli del regolamento tecnico dell’attività agonistica e delle norme per lo svolgimento dell’attività.

A.S.T.C.

L’ A.S.T.C. (Addetto ai servizi tecnici in corsa), è colui che svolge la funzione di conducente di automezzi tecnici al seguito della gara.
I veicoli che può condurre sono: inizio e fine gara ciclistica, direzione corsa, giuria, auto del medico, vettura neutra (cambio ruote), radio informazione, invitati, sponsor, organizzazione, stampa, ispettore di percorso.
Per l’espletamento del proprio incarico, gli A.S.T.C. devono partecipare ad un corso di 6 ore con relativo esame e successivamente ai corsi di aggiornamento biennali.
Gli A.S.T.C. neo-abilitati possono svolgere le proprie funzioni in gare regionali dopo aver dimostrato di aver partecipato a bordo di vetture ufficiali in almeno 5 gare in linea. Nelle gare nazionali ed internazionali, deve dimostrare di avere partecipato a 10 gare in linea.
L’obbligo di utilizzo degli A.S.T.C., nel rispetto del regolamento UCI, vale unicamente per le gare WT (World Tour).

Personale A.S.A.

ADDETTI ALLA SEGNALAZIONE AGGIUNTIVA
È il personale appiedato, a protezione dei vari bivi, incroci e punti sensibili, al quale gli organizzatori assegnano il compito di garantire la sicurezza e il regolare svolgimento di una gara ciclistica su strada.
La funzione A.S.A. è effettuata da persone in possesso dell’abilitazione rilasciata dal compartimento della polizia stradale di zona dopo aver sostenuto un corso, organizzato dalla federazione ciclistica italiana, di 8 ore e sostenere, sempre presso la FCI, un esame scritto a quiz con risposte multiple (una scheda con 10 domande e con 3 risposte obbligatorie per ogni domanda e si è abilitati rispondendo ad un minimo di 21 domande su 30).
Inoltre devono essere in possesso della patente di guida in corso di validità.
Il certificato di abilitazione a svolgere funzioni A.S.A. scade ogni 5 anni e può essere rinnovato presso i compartimenti di polizia stradale dopo aver frequentato un corso di aggiornamento di 5 ore, organizzato dalla federazione ciclistica italiana, la quale rilascerà al candidato un attestato di partecipazione da consegnare all’atto della richiesta di rinnovo.
Gli A.S.A. abilitati, per svolgere la loro funzione devono essere in possesso, oltre che dell’abilitazione, di una serie di equipaggiamenti indicati nel disciplinare delle scorte tecniche.

Motostaffette

È il motociclista al quale gli organizzatori affidano il compito di garantire la sicurezza e il regolare svolgimento di una gara ciclistica su strada, in concorso con altri colleghi ed in collaborazione con la polizia stradale quando presente.
Le motostaffette godono di un riconoscimento di fatto, in quanto espressione pratica delle misure di sicurezza che gli organizzatori sono tenuti a predisporre per obbligo di legge.
Per l’espletamento del proprio incarico, le motostaffette devono partecipare ad un corso di 6 ore con relativo esame e successivamente ai corsi di aggiornamento biennali.
In corsa dipendono esclusivamente da quanto disposto dal direttore di corsa e, per lo svolgimento del proprio compito, devono fare esclusivo affidamento sulla propria capacità di prevedere il pericolo.

Scorte Tecniche

Le scorte tecniche, sono effettuate da persone in possesso dell’abilitazione ottenuta presso il compartimento della polizia stradale di zona dopo aver sostenuto un esame scritto a quiz con risposte multiple (una scheda con 10 domande e con 3 risposte obbligatorie per ogni domanda e si è abilitati rispondendo ad un minimo di 21 domande su 30).
I candidati prima di sostenere l’esame devono essere in possesso di un attestato di formazione rilasciato dalla FCI previo un corso di 12 ore.
Inoltre devono essere in possesso della patente di guida B – A – A2 in corso di validità, avere un rapporto associativo con la FCI o i vari enti.
Per svolgere l’attività di scorta tecnica in gare della FCI, gli abilitati devono essere tesserati.
Il certificato di abilitazione a scorta tecnica scade ogni 5 anni e può essere rinnovato presso i compartimenti di polizia stradale dopo aver frequentato un corso di aggiornamento, di 9 ore, organizzato dalla FCI, la quale, rilascerà al candidato un attestato di partecipazione da consegnare all’atto della richiesta di rinnovo.
I motociclisti abilitati a scorta tecnica, per svolgere la loro funzione devono essere in possesso, oltre che dell’abilitazione, anche delle attrezzature ed equipaggiamenti.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Calendario Corsi Direttori Corsa e Sicurezza

Aggiornamento SCORTE TECNICHE Rovigo (RO) – 11 Gennaio 2020 –  ISCRIZIONI APERTE Aggiornamento MOTO STAFFETTE Rovigo (RO) – 11 Gennaio 2020 –  ISCRIZIONI APERTE

Iscrizione Direttori Corsa e Sicurezza

Prima di procedere assicurati di avere la scheda di iscrizione firmata da consegnare il giorno del corso unitamente alla distinta del versamento effettuato. Puoi trovare QUI la scheda